Guarda su Raiplay il Disability Pride 2020

Guarda su Raiplay il Disability Pride 2020

Il Disability Pride Italia 2020 al Teatro Ghione in Roma

Guarda il video racconto di GattoNudo Production dal Teatro Ghione in Roma

Sfoglia le vignette di Gioma

Disability Pride 2020: Lo spin-off de Le storie di Mirko

raiplay storie Mirko

Disability Pride 2020: Lo spin-off de Le storie di Mirko

raiplay storie Mirko

Articoli

primo piano di un piede di donna che indossa un sandalo estivo di cuoio marrone. Il colore e il taglio della luce del sole che colpisce il piede lascia presagire che la foto sia stata scattata al tramonto.)

DISABILITY PRIDE: L’ORGOGLIO DEL PIEDE di Daniele Lauri (Radio 32 – la radio che ascolta)

 
Il 2 ottobre del 1991, ventinove anni fa, faceva caldo a Roma ed io ricordo perfettamente un piede. Erano passate da poco le 20 ed ero steso bocconi sull’asfalto. In bocca il sapore del sangue.
Ci sono persone che hanno incontrato la propria disabilità fin dalla nascita o dall’infanzia, altre in vecchiaia o dopo una lunga malattia…

IL DITO NELL’OCCHIO: PERCHÉ PRIDE? PRIDE PERCHÉ? di Daniele Renda “Il bambino selvaggio”

 
Alla vigilia della nuova edizione del Disability Pride, che quest’anno si svolgerà televisivamente in sostituzione della tradizionale parata, proverò, con la massima umiltà, a dare una personalissima interpretazione al significato dell’evento e all’importanza che ricopre.
Pride vuol dire orgoglio, nell’accezione più comune. Sentimento non criticabile della propria dignità, giustificata fierezza ovvero giusta e legittima concezione di sé. Per troppi anni la disabilità è stata raccontata da chi la disabilità non la vive…

LUGLIO E’ IL MESE DEL DISABILITY PRIDE di Maria Chiara Paolini (Witty Wheels).

Pubblicato su http://wittywheels.blogspot.com/ in data 9 luglio 2020.
Il Disability pride per me è essere contenta di chi sono in un mondo che mi dice costantemente che non dovrei.

È non odiare la mia vita e non guardare dall’alto in basso quella delle altre persone disabili in una società che ci vede come una tragedia, ci ricorda regolarmente che vorrebbe che non esistessimo e ci disumanizza…